Loading...

Come ottimizzare il tempo che passate su Facebook?

piccoli consigli utili
Home / RocketsocialNews / Come ottimizzare il tempo che passate su Facebook?

1.Seguite Pagine di cultura e informazione, ma non fatelo in modo passivo

Esistono centinaia di Pagine che vale assolutamente la pena di seguire. L’informazione sul web riesce ad essere (non si sa per ancora quanto) decisamente più imparziale dell’informazione che può giungere in casa vostra dal vecchio e caro televisore. Non stiamo parlando dei quotidiani cartacei ai quali possiamo abbonarci per edizioni elettroniche ben poco soddisfacenti al tatto e sgradevoli alla vista, stiamo parlando di testate giornalistiche vere e proprie (con strutture e gerarchie ben definite), ma che hanno fatto del web la loro fissa e unica dimora.

Editable vector silhouettes of four people painting a blank wall different colors with copy space

The Post Internazionale, abbreviato TPI, ad esempio, è un giornale online italiano specializzato nell’attualità internazionale, edito da The Post Internazionale Srl, con un investimento di partenza di 118mila euro. Ha sede in un palazzo seicentesco di Roma, in via dei Banchi Vecchi 41. TPI è riuscito a guadagnarsi un discreto seguito sul web e sui social, sia per la completezza delle informazioni che riesce a fornire, sia per la copertura globale che per una buona apoliticità dei suoi contenuti.
TPI è, inoltre, una testata che non si priva del piacere di interagire con i suoi lettori, su qualsiasi piattaforma vogliate. Perciò, siete pronti finalmente a dire la vostra ai giornalisti?

The Huffington Post è invece una variante molto interessante del giornale/quotidiano online. The Huffington Post (noto anche come HuffPost) è un blog e aggregatore statunitense fondato nel 2005 da Arianna Huffington, Kenneth Lerer e Jonah Peretti, e in breve tempo diventato uno dei siti più seguiti del mondo, numero uno della classifica Technorati, che vanta una media di interventi pari a circa un milione al mese e tremila blogger permanenti reclutati tra personaggi politici e dell’informazione.
Vuoi farti sentire? Scrivi al direttore di Huffington Post Italia: lucia.annunziata@huffingtonpost.it

Linkiesta.it è un quotidiano online italiano di approfondimento e news; sul web dal 31 gennaio 2011. Linkiesta si propone come giornale online indipendente e vanta la collaborazione di diversi blogger di portata nazionale.


post

 

2.Sfruttate gli eventi della vostra città, in base a quelli che sono i vostri interessi
(molti eventi gratuiti, iniziative e progetti)

Essendo Milanese posso parlare di quello che può offrire la città di Milano ai suoi cittadini e a quelli dell’hinterland.
Pagine come quelle del Comune di Milano, Vivimilano, e altre centinaia possono dirvi come tenervi sempre impegnati nel vostro tempo libero, cosa fare nel weekend o dove andare a bere un’ottima birra di sera. Ma anche aggiornarvi sulle ultime uscite in libreria e al cinema, insomma “le monde est a vous” a voi la scelta. Basta cliccare mi piace sui vostri interessi, anzi, vi dirò di più, dopo un certo periodo di “calibrazione” il famigerato algoritmo della “grande F” inizierà a capire cosa vi piace e quindi a proporvelo quotidianamente!

3.Scrivete

Zuckerberg alla fine ha deciso di chiamarlo Diaro, o sbaglio? Ma io effettivamente di diario nella mia newsfeed ci vedo poco e nulla. La creatività è sempre apprezzata e sicuramente buttare giù qualcosa ci fa bene, non sapete quanto:
La scrittura ha molti vantaggi che vanno ben oltre il semplice arricchimento del nostro vocabolario. Non importa quale sia la qualità della prosa, è l’atto stesso dell’impegnare il nostro cervello nella trasformazione dei nostri pensieri in lettere e parole ad avviare un processo benefico. L’umore, i livelli di stress, i sintomi depressivi sono solo alcuni degli aspetti a risentirne positivamente.

 

writing-great-blog-post-798x350

In uno studio del 2005 sui benefici per la salute emotiva e fisica della scrittura espressiva, i ricercatori hanno scoperto che buttare già qualche riga dalle tre alle 5 volte nel corso dei 4 mesi di ricerca, spendendo ogni volta dai 15 ai 20 minuti, aveva fatto la differenza nel migliorare la vita delle persone analizzate. Perciò che aspettate? Scrivete.

 4.Costruite un profilo basato sui vostri veri interessi e non su come vorreste apparire agli occhi degli altri

Quando ci troviamo su Facebook sappiamo di essere sotto un (piccolo o grande che sia) riflettore, quasi tutte le nostre azioni sul social sono monitorate o osservate dai nostri “amici”. Questo, spesso e volentieri, influenza le nostre scelte, precludendo agli utenti più “timidi” e facilmente influenzabili di mostrarsi per quello che sono, temendo di essere giudicati dall’altissima corte di giustizia social qual è diventata Facebook.
Ma Facebook non è nata per questo. Facebook è nata per accomunare persone simili fra loro, ragazzi, ragazze, uomini e donne con interessi in comune, con progetti e desideri in comune, è nato per sentirsi un po’ più vicini ai nostri idoli, per mantenere vive passioni e attività che altrimenti sarebbe difficile coltivare.

wanting-to-be-someone-else__quotes-by-kurt-cobain-54

 

La cosa migliore di tutto ciò è che il Social effettivamente ci fornisce anche tutti gli strumenti per attuare questa serie di azioni, ma preferiamo spesso ignorarle preferendo “piacere” a persone, o meglio utenti, che magari non abbiamo neanche mai visto. Perciò iniziate ad utilizzare Facebook per lo scopo per il quale è stato creato, ne sarete felici, garantito!

5.Pubblicate e mettete in mostra le vostre personalissime creazioni

 

rachel

Facebook sa essere un’ottima vetrina per le vostre attività creative ed artistiche. Avete un hobby? Oggi in tanti sono riusciti a trasformarlo in una professione vera e propria, come dicevo nel punto precedente coltivate i vostri interessi e curate la vostra “Rete Sociale” e i risultati delle vostre azioni verranno da se.

6. Evitate la politica del “più amici ho più sono popolare”

nolikes-e1405493051911

Arrivare al limite degli amici è diventato, per molti utenti di Facebook, un traguardo. Come se davvero fosse un metro di misura della popolarità o del livello di successo di una persona. Riempirvi il profilo Facebook di persone che non vi conoscono non solo vi mette in potenziali pericoli relativi alla vostra sicurezza informatica e reale, ma vi preclude la possibilità di conoscere persone che magari con voi hanno davvero qualcosa da condividere.
Iniziate le pulizie, Natale è vicino!

 

(Credits: Jacopo, RocketSocialStudio.com)